La musica di Mikis Theodorakis

 

Mikis Theodorakis è senza dubbio uno dei più importanti compositori greci, considerato il padre della musica popolare greca. Alcune persone considerano Mikis Theodorakis il compositore greco più importante e di talento mai esistito.

La musica di Theodorakis deve essere letta considerando la storia della Grecia a partire dalla seconda guerra mondiale. Egli, attraverso la musica, esprime e trasfigura l’essenza profonda del suo paese natale.
Perennemente in bilico tra passato e presente, tra identità e differenza, Theodorakis costruisce senso e valori attraverso la poesia, attraverso la bellezza della sua opera. Musica e poesia, insieme, una musica carica di significati e intessuta di memoria. E attraverso le sue note viene evocata la realtà.

Lo stile di Theodorakis ha le sue radici nella musica tradizionale greca e molti dei suoi brani son musicati da strumenti tradizionali greci come il Bouzouki, uno strumento a corde come un liuto con otto stringhe che si suona in modo simile a una chitarra o un mandolino.

Dire che la sua vita è stata tumultuosa sarebbe dir poco. Ha combattuto durante la seconda guerra mondiale e fu catturato e imprigionato dall’esercito italiano, fu deportato a Icarìa e si ammalò di tubercolosi. Dopo la guerra fu in grado di seguire una vita relativamente normale trovando il tempo per studiare la musica. Frequentò il Conservatorio di Atene e successivamente il Conservatorio di Parigi studiando con Olivier Messiaen.

Durante gli anni della guerra civile greca (1945-48) Theodorakis ha continuato la sua attività politica. Ha trascorso questi anni in clandestinità e poi fu catturato e deportato nel campo di prigionia. Nonostante ciò ha continuato la sua attività musicale. Infatti la sua prima sinfonia fu composta sulla famigerata isola prigione di Makronissos. E’ proprio in questi anni che si è interessato alla musica popolare greca e soprattutto al genere popolare conosciuto come Rebetika.

Ha scritto canzoni patriottiche e ha ottenuto il sostegno di molti compositori e musicisti di tutto il mondo, tra cui Shostakovich e Leonard Bernstein. Quando fu fondata la democrazia Theodorakis ha iniziato ad interessarsi di politica e ha spesso fatto campagne per i diritti umani.

Nonostante il suo impegno politico, Theodorakis, ha trovato il tempo per la sua carriera musicale, e ha iniziato promozione e la diffusione della cultura musicale greca. Ha composto opere e balletti, e sinfonie come l’inno olimpico “Canto Olimpico”. Ha ottenuto il riconoscimento in tutto il mondo per la sua musica grazie al film “Zorba il greco” del 1964, diretto da Michael Cacoyannise, celebre per la scena in cui Anthony Quinn balla il sirtaki sulla spiaggia.

Un uomo di grade talento, con una vita molto dura, Mikis Theodorakis è diventato il simbolo della musica greca, simbolo della Grecia.